03 Ago Gas, primo sì a iter veloce per i bandi standard

Gli enti locali che predispongono gare per l’affidamento del servizio di distribuzione del gas sul modello dei “bandi tipo” stabiliti dall’Autorità per l’Energia potranno usufruire di una corsia preferenziale nella loro valutazione. È quanto stabilisce un emendamento dei relatori al ddl concorrenza approvato in commissione Industria del Senato.

Definite procedure semplificate

L’Autorità per l’Energia, in base a quanto si legge nell’emendamento, “definisce procedure semplificate di valutazione dei bandi di gara, applicabili nei casi in cui tali bandi siano stati redatti in aderenza al bando di gara tipo, al disciplinare tipo e al contratto di servizio tipo”. L’emendamento dei relatori semplifica anche il calcolo dei rimborsi che l’aggiudicatario della gara dovrà versare al precedente gestore del servizio di distribuzione del gas, quando questo sia stato messo a gara prima della scadenza.

Nuovo sistema di compensazioni per lo stoccaggio del gas

Via libera anche ad un subemendamento che istituisce un nuovo sistema di compensazioni alle regioni per lo stoccaggio del gas. Dal 1 gennaio dell’anno prossimo, l’ammontare delle compensazioni che le imprese che gestiscono gli impianti dovranno versare nelle casse regionali non sarà più calcolato in percentuale del valore del gas stoccato ma sulla base di una cifra fissa moltiplicata per lo spazio offerto (0,001 centesimi di euro/kWh).